I piccoli e le liste

Organizzabimbi di Marzo

il tema del mese declinato al piccolo, per aiutare signorine e giovanotti di casa a crescere più autonomi e organizzati, senza stress!

Come ormai sapete, all’incirca ogni primo giovedì del mese dedico il mio post ad un tema specifico (a Febbraio, il taccuino) a cui poi dedico questa sezione “bambini e ragazzi”.

Anche i piccoli fanno le liste!

Vi ho già detto che le adoro? E che per me sono strumenti utilissimi per imparare a organizzarsi?

Oggi aggiungo che anche i bambini possono usare le liste e che possono imparare già da piccoli.

Le liste per diventare più autonomi

I piccoli amano rendersi autonomi e le liste li accompagnano nel loro percorso perché sono uno strumento a cui possono affidarsi per iniziare a fare da soli alcune attività quotidiane: una vera conquista!

E allora perché non dare loro uno strumento organizzativo potentissimo, che potranno poi utilizzare in tutte le occasioni: per gioco, a scuola, nelle loro attività di tutti i giorni?

Le liste per acquisire fiducia

I bambini che iniziano a scrivere ameranno giocare ad esempio a fare la lista del borsone per la piscina avere una check-list fatta da sé servirà loro ad acquisire fiducia in sé stessi.

Perfino i bambini che non sanno ancora scrivere possono farle con l’aiuto dei grandi e usando delle immagini; i più grandicelli possono essere incoraggiati fare da soli con la promessa di controllare insieme dopo se serve qualche ritocco.

Le liste per imparare l’autostima

Grandi e piccoli saranno orgogliosi, garantisco, anche perché

Il bello delle liste è che possono (anzi, devono) essere esposte e lodate!

Decidete insieme dove appendere le liste: in cameretta, sulla centrale di comando o all’ingresso, a seconda di dove più facilmente potrà essere consultata. Hanno diritto a tutte le luci della ribalta!

Come si fa a proporre questa attività ai vostri piccoli di casa?

Sotto forma di gioco: di sicuro effetto, perché i piccoli amano sentirsi coinvolti nelle attività che li riguardano e il gioco è l’attività principale attraverso cui i piccoli apprendono.

Pronti?

Ponete loro qualche domanda per dare gli spunti giusti e stimolarli alla riflessione

Se si tratta della lista delle cose che servono per il pomeriggio in piscina, ad esempio:

“dimentichiamo qualcosa?” – “cosa ti serve dopo l’allenamento, hai pensato ad accappatoio, asciugamani e ciabattine?” – “Il tesserino?”

Lavorateci insieme

Fare la lista insieme alla mamma o al papà permette al piccolo di sentire la sua presenza e se poi verrà accompagnato in piscina dai nonni o dai fratelli più grandi, l’essersi affidato alla lista fatta insieme lo farà sentire rassicurato.

I bambini amano fare dei lavoretti manuali, scrivere e colorare e amano le novità: se cercate ispirazione su qualcosa di nuovo da fare insieme un pomeriggio in cui magari si annoia (“mammaaaa, non so che fareeee”) questa è un’idea di sicuro successo:

sì, perché le liste si scrivono, ma poi si colorano, ci si incollano immagini, si disegnano!

Sdrammatizzate e aiutatelo a non dare mai niente per scontato!

Se poi avete dimenticato qualcosa, pazienza! Lo aggiungerete alla check-list e la prossima volta sarà quella giusta!

Fare la propria check-list (o qualsiasi altro tipo di lista) non dev’essere frustrante, un compito da portare a termine senza errori, anzi! Sapere che tutto si può migliorare ma che “fatto è meglio di perfetto”, è fondamentale.

ps: anche noi grandi dovremmo ricordare che:

  1. non siamo infallibili
  2. a tutto c’è rimedio, spesso non vale la pena stressarsi
  3. possiamo sempre provare a divertirci nei nostri mille compiti quotidiani

A Giovedì!

Germana