Concentrazione, produttività e stress

Mantenere stabile la concentrazione è l’elemento da cui dipendono largamente la tua produttività e il tuo benessere.

Eppure, come anche tu troppo spesso ti accorgi, restare concentrato per tempi sufficientemente lunghi da portare a termine il compito prefissato non è un’impresa facile: tanto che da anni questo tema è al centro di studi e ricerche che hanno dato vita a diversi metodi per aumentare la produttività e diminuire lo stress.

Quando è necessario concentrarti, ma per un motivo o per l’altro non riesci, ti innervosisci

è così che si innesca un circolo vizioso in cui all’ansia dovuta al rispetto di scadenze e impegni (esami universitari, presentazione di un progetto o chiusura di una pratica di lavoro) si aggiunge lo stress dovuto alla difficoltà a mantenerti focalizzato

Ti senti deconcentrato e stanco, la tua mente “non ci sta” e si perde nei pensieri più vari, ti lasci distrarre e interrompere.

Le cause dei cali di attenzione che subisci – insieme alla quasi totalità delle persone – sono di diversa natura e vanno dalle abitudini agli spazi lavorativi.

Tecnologia

Negli ultimi anni, poi, la tecnologia ha assunto un ruolo primario nella vita di tutti i giorni, perché ti permette di essere sempre connesso con il mondo e di accedere ad una quantità enorme di informazioni, ventiquattrore su ventiquattro.

A fronte della possibilità di migliorare il tuo lavoro grazie alla disponibilità immediata di dati e informazioni e all’accelerazione delle comunicazioni tramite e-mail e APP, però, la tecnologia implica un margine non indifferente di distrazioni, che agiscono negativamente sul tuo rendimento e aumentano lo stress.

Tecnologia e focusing sono dunque elementi fondamentali di un buon risultato in termini di prestazioni – in particolare nel lavoro e nello studio. Vediamo come trovare il giusto equilibrio che ti permetta di ottenere il meglio da entrambe.

separare i momenti privati da quelli professionali non solo aiuta ad evitare distrazioni ma ti permette di dedicare il giusto tempo agli uni e agli altri, e a viverli appieno

Cosa puoi fare da subito

1 Separa le 
 connessioni private e di svago da quelle per lavoro

Non è facile, per due motivi fondamentali:

– innanzitutto, non sono poi così pochi i fortunati che lavorano su argomenti che amano (penso a tutti i professionisti come me); e se – come ti auguro –  lavori ad un progetto che ti appassiona, è molto facile distrarti con tutti i  contenuti interessanti che trovi sul web 🙂

– succede spesso di dedicarsi ai social e alla messaggistica privata proprio con l’intenzione (giusta) di fare una pausa rigenerante dal lavoro. Fai una breve pausa se ne senti l’esigenza, apri la finestra o prendi un tè o un succo di frutta, se proprio devi usare lo smartphone fai una breve telefonata privata.

 

 

2 Usa una APP

Fantastico: in questo caso addirittura usi la tecnologia per restare concentrato! A me piace Noisly: è un’applicazione che ti permette di selezionare una serie di suoni da ascoltare durante le tue sessioni al pc e che favoriscono il relax o la produttività – a seconda della combinazione che ti serve.

 

 

 

 

3 Lavora offline

Tranne casi particolari, anche nel tuo lavoro vi sono alcune attività che non necessitano della rete, come lavorare ad una relazione o preparare la scaletta per una riunione.

Approfitta per disconnettere telefono e pc e goderti la tua sessione di lavoro ad alta concentrazione di … concentrazione!

 

A giovedì prossimo!

Germana