Il tuo incubo è il cambio di stagione?

Sei in ottima compagnia:)

Può essere più facile di quanto pensi!

Il “cambio di stagione”, con cui si indica generalmente il riordino del guardaroba, riguarda in effetti un po’ tutti i tuoi spazi. Inizia con la voglia di rinnovamento che senti dentro di te e si concretizza nel dare una rinfrescata generale agli ambienti, dopo la chiusura forzata del periodo invernale.

Fin qui, tutto bello. Però

 

Però, nella pratica, tutta la poesia del “far entrare aria nuova” si traduce in una condanna ai lavori forzati, che tocca il culmine (o il fondo) in quello che è universalmente descritto come incubo degli incubi:

L’ARMADIO

Non si scappa

siamo al 12 Aprile, e la necessità di alleggerire il tuo abbigliamento ti ha già fatto tirar fuori camicie leggere e pullover di cotone, che si mischiano (all’inizio con grazia e discrezione, poi in modo sempre più invadente) ai pullover di lana e ai pantaloni pesanti in un groviglio inestricabile

non sei tu il problema, succede a tutti di avere un armadio così!

Nel tuo armadio c’è un caos che ti opprime, ecco perché è così difficile affrontare il cambio di stagione

l’anno scorso hai finito per farlo obtorto collo quando già indossavi le maniche corte, e cercare i pullover di lana in mezzo ai costumi da bagno ti dava i brividi; quindi adesso continui a ripeterti “devo farlo, devo proprio farlo”, ma ricordi con orrore la noia e la fatica di quell’ultima volta e così stai rimandando.

Vero? 🙂

Allora quest’anno ti propongo un trucchetto: fallo per gradi, e ti eviterai la stanchezza (montagne di maglie, jeans, bermuda e poi cinture, scarpe, t-shirt) e la frustrazione (un paio di pomeriggi, magari un intero weekend, “sprecati” a rovistare, piegare, lavare, appendere, stirare, rimettere in forma scarpe ammaccate, mentre fuori c’è un sole splendente e quel cielo azzurro…)

Bando alle chiacchiere, mettiamoci all’opera

FASE UNO – Togli di mezzo tutto quello che non ti serve più

tira fuori tutto e dividi in tre gruppi:

  • inverno
  • stagioni intermedie (alcuni capi vanno bene sia in autunno che in primavera)
  • estate

 

Occupati dei gruppi uno alla volta, non fare tutto insieme!

 

gruppo inverno – seleziona

da lavare (giacche pesanti, cappotti, pullover di lana usati e ormai “troppo invernali”)

da riporre (vestiti già puliti che non indosserai fino al prossimo inverno)

da tenere sotto mano (i pullover leggeri, i cardigan di caldo cotone o in lana traforata, tutto quello che userai ancora per un po’ di mattina o di sera, quando fa ancora freddino)

forse (il più importante) del gruppo “forse” fanno parte tutti quei vestiti che sono rimasti dentro al tuo armadio per tutto l’inverno e non hai mai o quasi mai indossatoChiediti perché non li hai usati e poi decidi cosa farne. Cosa non va bene? La taglia? O non sai mai come abbinarli?

L’importante è che tu decida: per aiutarti, con la newsletter di Aprile ti regalo un percorso pratico! Te la invio alla fine del mese, perciò ti conviene iscriverti adesso se non te lo vuoi perdere.

FASE DUE – adesso passa all’abbigliamento leggero

gruppo stagioni intermedie – prova tutti i vestiti e seleziona:

 da tenere, da eliminare (regalare, riciclare, vendere, scambiare …) da valutare

il trucco è iniziare dai vestiti del gruppo primavera/autunno: sono quelli che ti servono da subito

per costumi e pantaloncini hai ancora tempo, puoi lasciarli un po’ più in alto, o da parte

 

FASE TRE – completa il lavoro

gruppo estate – prova tutti i vestiti e seleziona:

ripeti la fase due con i passaggi che hai fatto per i vestiti delle stagioni intermedie (tenere, eliminare, valutare)

raccogli e riponi i capi invernali rimasti, ormai inutili

raccogli e metti da parte la roba del gruppo stagione intermedia per trovarla pulita il prossimo autunno 🙂

Dividere un lavoro faticoso e noioso in parti più piccole è sempre una buona idea.

Prova e vedrai che fare il cambio di stagione gradualmente ti aiuterà a sconfiggere il caos e apprezzare il risultato 🙂

A giovedì

(tema cucina!)

Germana